Vai al contenuto

Ci sono novità interessanti per le imprese che voglio aprire un ecommerce nella la provincia di Trieste. Ecco il testo del bando.

Dal giorno 2 gennaio 2016 al 31 gennaio 2016 le imprese dei settori del commercio, turismo e servizi con sede o unità operativa nella provincia di Trieste potranno presentare le domande di contributo in conto capitale a fondo perduto ai sensi dell’art.100 della L.R. 29/2005 per i seguenti investimenti:
(noi riportiamo solo la voce di nostra competenza)

"progettazione e realizzazione di un sito di commercio elettronico, ivi compreso l’acquisto di antivirus e di hardware dedicato"

Condizioni:
- Le spese minime da sostenere sono di €uro 3.000,00 (€ 1.500,00 per i sistemi di sicurezza), massimo di €uro 26.000,00
- l’entità del contributo va dal 30 al 50 % a seconda del settore di investimento.

Il contributo pubblico spetta unicamente alle imprese che alla data di presentazione della domanda si sono adeguate, se occupano dipendenti, alle disposizioni del Testo Unico in materia di sicurezza sul lavoro di cui al D.lgs. 81/2008 (redazione del documento di valutazione dei rischi con data certa, verifica di terra impianti elettrici, formazione dei lavoratori, nomina del RSPP, nomina del medico competente ove previsto, addetti primo soccorso e antincendio).

Nota Legge di Stabilità 2016:
Inoltre si ricorda che il ddl della legge di stabilità per il 2016 prevede l’aumento delle quote di ammortamento del 40% oltre alla misura di legge sul costo di acquisto di beni strumentali “nuovi di fabbrica” dal 1° gennaio 2016.
La nostra organizzazione assiste l’impresa nella compilazione, istruzione e presentazione del progetto di investimento fino alla concessione ed erogazione del contributo pubblico

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 27 ottobre 2015
Esonero dall'obbligo di certificazione dei corrispettivi per le prestazioni di servizi di telecomunicazione, di servizi di teleradiodiffusione e di servizi elettronici rese a committenti che
agiscono al di fuori dell'esercizio d'impresa, arte o professione.
(15A08326) (GU n.263 del 11112015)
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni, istitutivo dell'imposta sul valore aggiunto;
Visto l'art. 22, primo comma, dello stesso decreto, che stabilisce la non obbligatorieta' dell'emissione della fattura, se non richiesta dal cliente, per le attivita' di commercio al minuto ed attività assimilate;

MEF_DM_novità fiscali ecommerce

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail